A Chernobyl ha aperto un nuovo carinissimo ristorante. (Peraltro notare le decorazioni! Gli appassionati di questa terra non hanno bisogno di spiegazioni, per gli altri specifico che quel telone riproduce i meravigliosi mosaici in vetro del Cafè Pripyat). Si chiama, non a caso, “Pic nic sul ciglio della strada”, dal popolare romanzo dei fratelli Strugackij.
Inoltre anche gli hotel stanno affrontando ristrutturazioni. Devo dire che rispetto a qualche anno fa ci sono state diverse opere migliorative.
E qui occorre aprire una doverosa parentesi! La zona di esclusione nella parte ucraina (non dimenticate che ne esiste una anche nella parte bielorussa) ha grandi introiti derivanti dal “turismo”. A differenza della Bielorussia dove i denari, portati principalmente da associazioni che si occupano dei problemi sociali del territorio, vengono giustamente investiti nella costruzione di ospedali, scuole o per aiutare famiglie e bambini, (nella Zona di esclusione bielorussa vivono famiglie intere, giovani principalmente.) nella parte Ucraina, invece, non è possibile ricostruire. Qui vivono solo anziani abusivamente (A Chernobyl, invece, vivono e lavorano molte persone. Ricordiamoci che Chernobyl porta il nome del disastro, ma in realtà non è stata investita direttamente dalla nube radioattiva e il livello di radiazione naturale è di circa 0.120 microSievert/ora, ovvero un livello addirittura inferiore ad una qualsiasi capitale europea. La città resa assolutamente invivibile è Pripyat). I denari arrivano dagli stranieri che vengono in visita in questa terra e sono positivamente sorpresa nel vedere che li stanno investendo per risistemare al meglio Chernobyl.
Il “turismo” che l’opinione pubblica (italiana, parlo di questa che è quella che conosco meglio) condanna come turismo del macabro e apostrofa con vari epiteti, è la più grande fonte di sostentamento per chi vive qui. Ci tengo anche a specificare che chi viene in visita nella Zona non è un dark tourist o similare, ma solo una persona fortemente interessata a questa storia, al chiarirne le cause, le conseguenze ed a fare ordine nella confusione di informazioni imprecise che ci arrivano in Italia.
Detto ciò, non si può nemmeno trascurare il fatto che la Zona è molto frequentata da delegazioni di scienziati e studiosi da tutto il mondo. Ad inizio agosto ho incontrato una delegazione di scienziati americani. L’altro ieri c’erano persone dalla Germania, con scorta al seguito (non so che ruolo avessero queste persone, ma se accompagnati dalla scorta non erano certo turisti)
Infine, è pur vero che Chernobyl non è più quella che vidi per la prima volta anni fa, ma perché desiderare di vederla ferma nel tempo? Certo, per chi la vive in modo romantico come me sta perdendo via via il suo fascino, ma considerando che è una terra morta da trentadue anni, perché non gioire se piano piano si sta risollevando? La rinascita è da sempre un processo positivo.
E quando a fine anno Novarka terminerà il suo appalto per la costruzione/gestione del New Safe Confinement e tantissimi lavoratori verranno spostati altrove, ci sarà un grande calo di introiti per la micro economia di Chernobyl.
Ricordate che i turisti sono condannati solo in Italia, a Chernobyl sono accolti a braccia spalancate!

2018-11-22T17:09:03+00:00

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi