Rossokha è una cittadina compresa all’interno della zona di esclusione di Chernobyl, che fu evacuata nel 1986, dopo l’incidente alla centrale nucleare.

Di questa località, una superficie di circa 20ettari venne utilizzata come deposito di mezzi, militari e civili, che furono impiegati nelle operazioni di decontaminazione ed evacuazione. Si tratta di camion, furgoncini, elicotteri, auto, carri armati, camionette dei pompieri e pullman. Proprio quei pullman che accompagnarono i cittadini di Pripyat fuori dall’area interessata dall’incidente nucleare, durante la giornata del 27 Aprile 1986. Tutti questi mezzi erano pericolosamente contaminati e per questo furono ammassati a Rossokha in attesa di stabilirne il futuro. La zona, però, fu subito presa di mira da sciacalli che smontarono motori ed altre parti dei mezzi al fine di rivenderli al mercato nero. Quindi si decise di smantellare i mezzi e accatastarli alla rinfusa per renderli inutilizzabili. Vi erano anche diversi elicotteri, quelli che furono impiegati nella liquidazione del reattore esploso e di cui oggi sono ancora visibili alcune parti, principalmente turbine.

Tutta l’area è ancora oggi altamente contaminata, racchiusa da filo spinato, un vero e proprio cimitero radioattivo.

Non è meta di visitatori e non sono tante le notizie che si hanno in merito a questo luogo. Esistono alcune foto aeree di Rossokha di quando ancora i mezzi erano integri e se ne possono vedere a migliaia. Negli ultimi 32 anni è stato solo un deposito, silenzioso ed inquietante.

Da “Confessioni di un reporter” di Igor Kostin:

‘La radioattività nei pressi di quel cimitero è terribile. A terra è proibito avvicinarsi. Chi ci prova, ne muore. Per più di 10km costeggiamo carcasse di elicotteri, veicoli blindati, camion dei pompieri. Apro l’oblò, mi sporgo, scatto la foto.  Faccio cenno al pilota. Ho finito la pellicola. Inutile attardarsi. Non getto nemmeno uno sguardo al cimitero delle macchine.’

2018-09-25T19:41:36+00:00

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi