Loading...
Dicono di me2018-09-07T17:02:18+00:00
FrancescaGorzanelli

Sono nata e cresciuta nella provincia di Modena, ma per me “casa” è il mondo. Non ho mai amato i confini culturali e geografici che accompagnano chi cresce in periferia, quindi ho sempre guardato al mondo con occhio curioso ed avida di esplorare nuovi orizzonti e diverse culture. Mi sono avvicinata alla fotografia proprio grazie a questa curiosità di esplorare.

Ho iniziato fotografando luoghi abbandonati cercando di ridargli un ultimo respiro di gloria attraverso il mio obiettivo. Per due anni ho seguito e documentato le più importanti convention di tattoo in Italia per poi approdare al mondo dei matrimoni, che rappresentano la parte colorata ed allegra del mio estro fotografico. Ma la mia più grande passione fotografica, culturale e sociale è la Zona di esclusione di Chernobyl. Da anni mi reco nella Exclusion Zone con l’intenzione di dare visibilità a questa storia, di dare voce alle persone che ancora vivono in questa terra malata e per coronare il mio grande sogno di aiutare i bambini di queste zone.

Nel 2015 è nato il mio grande progetto: “Diario di un viaggio a Chernobyl“. Un progetto composto di fotografie, parole, emozioni, incontri didattici con le scuole, interventi televisivi e pubblicazioni su quotidiani, nonchè viaggi culturali di gruppo (https://www.francescagorzanelli.it/viaggia-con-me-per-conoscere-realmente-la-zona-di-esclusione-di-chernobyl/ ), dedicati a chiarire qual è la situazione, in questi territori,  dopo trent’anni dal disastro nucleare più grave della storia del ‘900. L’idea del “Diario” è nata dal desiderio di documentare, giorno per giorno, il mio primo viaggio, che prevedeva 5 giorni di permanenza all’interno della Zona. In questi tre anni le pagine del mio diario virtuale, sono state pubblicate su quotidiani come La Nazione (https://www.lanazione.it/livorno/cronaca/diario-da-chernobyl-giorno-4-1.2865844 ) e Gazzetta di Modena (http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2015/09/26/news/la-fotografa-gorzanelli-parte-per-il-reportage-a-chernobyl-1.12162605 ).

Questi miei viaggi hanno interessato anche il club per l’UNESCO che li appoggia e li patrocina dal 2018: “il Club per l’Unesco di Modena condivide con convinzione l’iniziativa risarcitoria per la gente di Cernobyl (e per l’umanità intera) che stai realizzando con tanto impegno. La salvaguardia delle risorse naturali (e della vita dell’uomo e dei patrimoni materiali ed immateriali) costituisce un obiettivo dell’UNESCO, e il percorso che stai attuando rientra tra le attività che i club sono chiamati a svolgere sul territorio di competenza”.

Inoltre, Serra x il mondo ONLUS, una associazione che si occupa di cooperazione internazionale, ha deciso di supportare il mio desiderio di poter aiutare, moralmente ed economicamente (http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2018/03/16/news/francesca-porta-aiuti-e-turisti-a-chernobyl-1.16599961 ), gli anziani che sono rientrati a vivere nella Zona di esclusione (chiamati Samosely) e, all’interno di un progetto di cooperazione internazionale, condurre i giovani che si occupano delle visite nella Zona a migliorare il loro standard di accoglienza ed apprendere la lingua italiana al fine di potersi rivolgere anche al nostro Paese.

Sempre nell’ambito di questo mio progetto dedicato a Chernobyl ho avuto l’onore di poter accompagnare le telecamere della RAI attraverso questi territori, per un documentario dedicato. (http://gazzettadimodena.gelocal.it/modena/cronaca/2018/07/26/news/francesca-gorzanelli-guida-la-rai-tra-i-resti-di-chernobyl-1.17097163)

Leggi anche: https://www.facebook.com/pg/diariodiunviaggioachernobyl/reviews/?ref=page_internal

Dicono di me…

“La ringrazio di cuore per la sua professionalità, disponibilità, gentilezza, affettuosità nel coccolare l’interesse del visitatore allo sconosciuto ed inconscio. Un viaggio per me indimenticabile.”

Vincenzo, Partecipante di un viaggio culturale di tre giorni nella Zona di esclusione di Chernobyl

“L’Amministrazione Comunale desidera ringraziarti per la disponibilità e professionalità dimostrate in questi giorni di Festival.Grazie al tuo talento e alla tua professionalità il Concorso Internazionale di Fisarmonica “Bruno Serri” è stato documentato e promosso nel migliore dei modi.”

Amministrazione Comunale , Serramazzoni (MO)

“Appassionata, ricettiva, curiosa. Alla ricerca sempre dello scatto perfetto. Creativa nella composizione dei set fotografici. puntuale e precisa nel consegnare i progetti.”

Jessica, Coffeeshare

“Disponibile in ogni momento per informazioni varie o per ritoccare/rivedere dettagli e particolari dell’evento. Foto splendide e molto “vere” evocative dell’emozione di quel giorno! Velocità eccelsa nel consegnare i provini. Sicuramente per eventi o servizi fotografici torneremo a richiedere la sua collaborazione.”

Amaralina e Simon, Sposi

Devo un ringraziamento “pubblico” a Francesca, che ha saputo condurci in maniera professionale in questo viaggio all’interno di un mondo completamente nuovo e sconosciuto che è la parte di una Ucraina che soffre tutta per le scelte di pochi.
Oltre la professionalità, la passione e l’amore che ci mette è il valore aggiunto di Francesca, che fa di questo viaggio un’esperienza non solo da fotografare, ma da vivere e respirare intensamente.
E quindi anche i compagni di questo viaggio, scelti non solo secondo semplici regole economiche, sono il tassello di questa esperienza.

Andrea , Partecipante di un viaggio culturale di 4 giorni nella Zona di esclusione di Chernobyl

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi