I cani di Chernobyl

Un'altra eredità del disastro nucleare di Chernobyl sono i cani. Il giorno in cui venne organizzata l'evacuazione di Pripyat, venne ordinato ai cittadini di portare solo lo stretto necessario per assentarsi da casa tre giorni. Venne ordinato loro di lasciare gli animali domestici nelle abitazioni. Gli animali erano, senza dubbio, molto contaminati dato che, si sa, stanno a contatto col suolo, all'aria aperta, bevono

I cani di Chernobyl2019-08-08T10:35:07+00:00

C’è vita nella zona di esclusione di Chernobyl

Il 26 Aprile 2016 il Bergamo Post scriveva in proposito ai miei viaggi: "Qualche tempo fa, La Nazione ha ospitato sulle proprie pagine virtuali un interessante diario di viaggio di due fotografi, Emanuele Cosimi e Francesca Gorzanelli, che hanno vissuto 6 giorni all’interno della cosiddetta “Area X”, i 4.200 chilometri quadrati circa della zona di esclusione creata in seguito al tragico incidente nucleare del 26 aprile

C’è vita nella zona di esclusione di Chernobyl2019-09-10T19:33:39+00:00