Viktor Bryukhanov era direttore in carica dell’impianto nucleare di Chernobyl nel 1986. Cinquantunenne, era stato trasferito dalla centrale nucleare di Balakovo, nel sud-est di Mosca, ed anche in questo impianto la sua mansione era di dirigenza.

Fu trasferito nella meravigliosa Pripyat, città modello dello sviluppo nucleare sovietico. Il suo appartamento affacciava proprio sulla piazza centrale. Dalle finestre poteva vedere il centro della cultura Energetik e, sulla destra, il prestigioso hotel Polyssia. In questo hotel di norma soggiornavano delegazioni di ingegneri nucleari, che venivano da ogni parte dell’Unione Sovietica per convegni e studi, tenuti proprio in questa area che doveva diventare il polo nucleare più grande di tutto il vecchio continente. Era prevista la costruzione di 12 reattori nucleari. A fianco all’hotel c’erano (e ci sono ancora) importanti uffici dove si svolgevano questi convegni.

A Bryukhanov, non a caso, era stato assegnato un appartamento in una posizione così centrale e prestigiosa, proprio in funzione del ruolo che ricopriva all’impianto ChNPP. Nel periodo dell’Unione Sovietica, il partito provvedeva ad assegnare gli appartamenti al popolo in base alle necessità di famiglia (per numero di componenti del nucleo famigliare) e le unità abitative erano tutte uguali. Un cucinino, un salotto che veniva utilizzato anche da camera da letto, uno stanzino per il wc ed uno stanzino con lavandino e vasca da bagno. Quello del direttore della centrale nucleare, invece, era davvero molto più grande! Arrivati al piano si trova subito un appartamento standard, forse per gli ospiti, e sulla destra si sviluppa quello che era il suo. Stanze più grandi rispetto alla norma e molto più luminose, compreso anche un piccolo balconcino. Questi erano grandi lussi in URSS. Non dobbiamo ragionare secondo le nostre abitudini occidentali, dove esisteva la proprietà privata, ma dobbiamo tornare con la memoria al periodo sovietico, alle regole ed alle abitudini di quel tempo.

La notte dell’incidente alla centrale nucleare, Bryukhanov era a casa sua quando ricevette la telefonata da Akimov, capo turno dell’unità 4, che lo informava del grave incidente. Alle 2,30 era al ChNPP. Mezz’ora dopo informò personalmente il vice segretario dell’industria nucleare, il quale a sua volta si occupò di avvisare altri importanti esponenti del Politburo. Alle 4,00 del mattino anche Gorbačëv era al corrente dell’incidente. (E’ importante ricordare che i cittadini di Pripyat furono avvisati solo 36 ore dopo l’incidente e che, invitati ad evacuare la città, furono rassicurati del fatto che avrebbero fatto ritorno alle proprie case entro tre giorni.)

Bryukhanov fu arrestato nell’Agosto 1986, dichiarato colpevole di grave violazione delle norme di sicurezza, venne condannato a 10 anni campo di lavoro più ulteriori 5 per abuso di potere. Scontò la sua pena ed ora vive a Kiev.

In un’intervista rilasciata in occasione del ventesimo anniversario dal disastro nucleare, dichiarò: “Riconosco che il mio staff commise degli errori. Hanno pagato tutti per questi errori, chi con il campo di lavoro e chi con la morte. Ma le indagini ufficiali sulla causa del disastro sono state orchestrate al fine di scagionare l’industria nucleare. Gli scienziati, gli ingegneri edili, gli esperti dell’accusa hanno difeso tutti i loro interessi professionali con un tessuto di bugie che ci distraeva dalla ricerca delle vere cause dell’incidente. Reattori con lo stesso design di quello di Chernobyl sono ancora operativi in Europa orientale, sebbene siano stati modificati dopo l’indicente per eliminare i difetti di sicurezza scoperti dall’indagine di Chernobyl. Il mondo non ha imparato le lezioni del disastro di Chernobyl.”

Trovarsi all’interno di questo appartamento è stata un’emozione unica. Nel silenzio surreale della Pripyat di oggi, immaginare il direttore della centrale nucleare sdraiato sul suo divano-letto, immaginare l’apprensione che può averlo investito ricevendo la telefonata del capo turno dell’unità 4 in piena notte. Vederlo camminare verso la finestra, affacciata sul centro dove via Lenin si interseca con la piazza di una città modernissima, la più luminosa dell’Unione Sovietica (molti ex cittadini dichiarano che questa città era piena di luci di notte, questo grazie all’energia che la centrale forniva in grandissime quantità). Immaginarlo mentre, sulla soglia di casa, si infila le scarpe pronto a dirigersi alla centrale nucleare Lenin, totalmente ignaro del fatto che nulla sarebbe mai più stato come prima, totalmente ignaro che 36 ore dopo la meravigliosa piazza che aveva ammirato per anni dalla sua finestra, sarebbe stata invasa da pullman, teatro di un’evacuazione che avrebbe portato via per sempre i sogni, le speranze ed il futuro di una città intera.

2018-09-10T20:18:28+00:00

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi