Control room reactor #4 – Chernobyl nuclear power plant

30 Settembre 2015 Ero al mio primo viaggio nella Zona di esclusione, al penultimo giorno di cinque incredibili giorni. Inutile negare che, come in tutte le cose, la prima volta non si scorda mai. E in questo caso specifico non dimenticherò mai quel viaggio proprio perchè ebbi l'esclusiva opportunità di entrare nella sala comandi del reattore 4. Il New Safe Confinement non era ancora

Control room reactor #4 – Chernobyl nuclear power plant2019-02-07T17:13:05+00:00

Natale con Baba Maria

Mesi di programmazione, con la certezza che non avrei avuto certezze! Gennaio nella Zona è quanto di più climaticamente difficile si possa affrontare laggiù. Il programma era chiaro e semplice: "6 Gennaio, vigilia del Natale ortodosso, saremo da Maria. Portate qualche regalino, se desiderate, almeno avrà un pacchetto anche lei da scartare! Cibo e medicinali li compreremo a Kiev." Tutti i partecipanti al viaggio erano

Natale con Baba Maria2019-01-24T17:45:08+00:00

Pripyat hospital

L'ospedale di Pripyat, per me, non ha nome in italiano: si chiama semplicemente "Pripyat hospital". Perchè? Perchè è il luogo più noto al mondo di questa città e della triste storia che l'avvolge, ed è universalmente conosciuto con questo nome. Credo che sia anche il luogo più inquietante dell'intera zona di esclusione di Chernobyl. Il più freddo, il più pauroso e senza dubbio il

Pripyat hospital2018-12-26T20:00:02+00:00

Slavutych, la sorella di Pripyat

Slavutych è l'ultimo esempio di utopismo comunista. E' letteralmente la sorella di Pripyat. Fu costruita immediatamente dopo l'evacuazione della famosa Atom Grad (la città dell'atomo), proprio per ospitare i lavoratori della centrale nucleare. Sorge nell'oblast di Chernighov, a circa 45 km dalla sorella maggiore, distanza strategica studiata per non rientrare nell'area di esclusione (che di norma interessa le aree entro i 30 km dalle

Slavutych, la sorella di Pripyat2018-12-18T08:19:57+00:00

Impressioni del Dott. Cocchi, medico che ha partecipato ad un mio viaggio a Chernobyl

"La scala internazionale degli eventi nucleari (international nuclear events) classifica gli eventi critici per la sicurezza negli impianti nucleari secondo una scala che comprendono 7 livelli (da 1 a 7). L’incidente di Chernobyl occorso il 26 aprile 1986 è stato l’unico evento classificato fino al livello 7. Il reattore di Chernobyl era costruito in modo tale che si potesse verificare una reazione nucleare a catena

Impressioni del Dott. Cocchi, medico che ha partecipato ad un mio viaggio a Chernobyl2018-11-27T15:21:31+00:00

Come sei finita a Chernobyl?!

Molto spesso mi è stato chiesto: "come sei finita a Chernobyl?!" Potrei dare la solita risposta (peraltro vera, ma banale): "perchè questa storia mi ha accompagnata tutta la vita, l'ho vissuta da bambina italiana, quando non si poteva mangiare la verdura, bere latte, bla bla bla." Questa è la storia di tutti noi che c'eravamo all'epoca dell'incidente. La parola "Chernobyl", così strana e così

Come sei finita a Chernobyl?!2018-11-19T14:24:07+00:00

Kvas, la risposta sovietica alla Coca Cola

Quando dico che un viaggio nella Zona di esclusione di Chernobyl è un viaggio attraverso la storia, intendo proprio ciò che segue: Durante la mia prima visita alla città di Pripyat, la mia attenzione venne attirata da una sorta di “fungo” situato a fianco della stazione degli autobus. Poteva sembrare una biglietteria, ma essendo appena stata all'interno della stazione stessa dove avevo individuato la

Kvas, la risposta sovietica alla Coca Cola2018-10-30T08:20:28+00:00

Ivan e Maria

Di Ivan e Maria ho parlato davvero molto in questi tre anni, sulla mia pagina facebook, Diario di un viaggio a Chernobyl (https://www.facebook.com/diariodiunviaggioachernobyl/). Non ne avevo mai parlato sul mio blog, ma è giunta l'ora di farlo. Ivan ci ha lasciati questa settimana, all'età di 83 anni, 32 dei quali vissuti a stretto contatto con un nemico invisibile: la radiazione. Ivan era sposato da

Ivan e Maria2018-10-25T09:21:18+00:00

New safe confinement

Grandissima importanza ha il New Safe Confinement nel presente (e nel futuro) della zona di alienazione di Chernobyl. Un'imponente opera ingegneristica, unica nel suo genere. L'azienda che si è occupata di questa immensa costruzione è l'ucraina Novarka che ha creato una solida join venture con la francese Vinci Construction. L'Arco è costituito da una struttura metallica di 25.000 tonnellate. Con i suoi 108 metri di altezza,

New safe confinement2018-11-12T16:12:38+00:00

Rossokha

Rossokha è una cittadina compresa all'interno della zona di esclusione di Chernobyl, che fu evacuata nel 1986, dopo l'incidente alla centrale nucleare. Di questa località, una superficie di circa 20ettari venne utilizzata come deposito di mezzi, militari e civili, che furono impiegati nelle operazioni di decontaminazione ed evacuazione. Si tratta di camion, furgoncini, elicotteri, auto, carri armati, camionette dei pompieri e pullman. Proprio quei pullman

Rossokha2018-09-25T19:41:36+00:00
Load More Posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi